Passa ai contenuti principali

SIAMO IN CONTATTO CON IL MONDO. LO SENTIAMO RESPIRARE CON IL RITMO E LO AIUTIAMO CON IL RITMO

SIAMO IN CONTATTO CON IL MONDO. LO SENTIAMO RESPIRARE A FATICA E LO AIUTIAMO CON IL RITMO. "Ho cambiato panchina. I vigili non vogliono l'accattonaggio (che non faccio, mi guadagno qualcosa con la chitarra), ma "non è tollerata la sosta notturna in panchina ad occhi chiusi". Così mi hanno detto. Seduto in panchina puoi starci, ma se ti beccano con gli occhi chiusi per più di 1 minuto, allora scatta la sanzione. La mia nuova panchina è alta e ci ho messo un telo grande che diventa una tenda speciale. Una signora di S.Egidio mi ha portato un sacco a pelo della figlia, e dormo da paura. Mi diverto ancora in questa vita, osservo il mondo, e il cibo è delizioso quando rimedio monete con la musica mia. Adesso che arriva il Natale gli parto di tango jazz col mio amico Karim al violino e Ndouf al contrabbasso. Siamo in contatto con il mondo, lo sentiamo respirare a fatica e lo aiutiamo con il ritmo. L'altro giorno a un signore in cravatta ho offerto un caffè, dato che era un po' giù. Ha perso tutto con Equitalia. Io gli ho detto: "Tranquillo, non finisci come me, ma vendi la Cayenne, che cazzo ci fai con la Cayenne? Pure che ci perdi 50 mila svendendola, ti trovi sempre in mano 40 mila per salvare le tue figlie". Mi ha abbracciato. Poi ho parlato con un fascista, pensava fossi straniero, gli ho detto che sono di Perugia, italianissimo e, in un'altra vita ero pure di destra. Ma gli ho detto che non è colpa nostra se siamo diversi. Con Ndouf e Karim gli abbiamo suonato Faccetta Nera e lui, contento, cantava battendo le mani. Poi, senza che se ne rendesse conto, siamo scivolati impercettibilmente su Bella Ciao, e lui, indignato, ha brandito un braccio: "Aooo guarda che te la dò na pizza a voi mezzi negri!!" Ma si è messo a ridere e tutti abbiamo riso e quello di Castroni ci ha offerto un caffè basta che gli suonavamo vestiti da Babbo Natale. Andiamo mano nella mano, mano a mano capiremo". (Memorie dalla panchina, A. Battantier, 2008, inizio crisi vera).


Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).