Passa ai contenuti principali

COSA VEDI INFERMIERA?

"Cosa vedi infermiera? Un vecchio buttato in un letto d'ospedale, lo sguardo incerto e gli occhi lontani, schiva il cibo e non risponde. Voi mi dite: 'Almeno assaggia!!!'. A te sembra che nulla mi importi di quello che fai. Sono il vecchio che perde sempre il calzino e la scarpa, che ti resiste, non permettendoti di occuparti di lui. Infermiera, non sembri davvero interessata a me. Ora ti dirò chi sono, mentre me ne sto ancora seduto qui, a ricevere le tue attenzioni, lasciandomi imboccare per compiacerti. Io sono un piccolo bambino di 10 anni, con un padre ed una madre, fratelli e sorelle che si vogliono bene. Sono un ragazzo di 16 anni, con le ali ai piedi, e sogno presto di incontrare l'amore. A 20 anni sono già sposo, il mio cuore batte forte. A 25 ho un figlio mio, che ha bisogno di me e di una casa sicura e felice, in cui crescere. Sono già un uomo di 30 anni e mio figlio è cresciuto, velocemente, siamo molto legati. Ho poco più di 40 anni, mio figlio ora è adulto e se ne va, ma la mia donna mi sta accanto e a 50 anni i bimbi giocano attorno a me. Ma ecco i giorni bui. Mia moglie muore, guardando al futuro rabbrividisco con terrore.  Penso agli anni vissuti, all'amore che ho conosciuto. Ora sono un uomo vecchio, la natura è crudele. Si tratta di affrontare la vecchiaia con lo sguardo di un pazzo. Il corpo lentamente si sfalda, mi abbandonano la grazia e il vigore. Ora c'è una pietra, laddove un tempo ospitavo un cuore. Ma dentro questa vecchia carcassa, un uomo vive ancora in me. Il cuore stanco si gonfia,  ricordando gioie e dolori. Vorrei amare e vivere, ma gli anni che restano son pochi. Tutto è scivolato via veloce. E devo accettare il nulla, e così sia. Apri gli occhi amata infermiera. Apri e guarda, non l'uomo vecchio, guarda ME". (1966, Phyllis McCormack, libera traduzione A. Battantier, 2010).

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.