Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013
"Io ho sempre la fase in cui scendo a picco ma poi riparto a 1000 tagliando la corda. Col cazzo che m'impicco". (Memorie di un adolescente, 2007, documentario, di A. Battantier, frammento di Marc8).
Ti accorgi di non essere più un bambino quando ti addormenti sul divano e ti svegli sul divano.
"Soffrivo la paura del giudizio altrui. Da quando mi sono reso conto delle mie reali possibilità questo complesso è sparito. Ma occorre difendere le cose alle quali si crede: con la fatica, l'ostinazione, il sudore" (LB).
Quella voglia di cambiare arriva da dentro e a quel punto capisci che o cambi o muori. Giusto per capire che ci sei ancora. Per ricominciare bisogna trovarsi, e per trovarsi bisogna perdersi. Sceglilo tu il primo passo di un nuovo cammino.

COCAINA: DIPENDENZA, DANNO FISICO E FACCIO ER VAGO

Mi disse: "Sa dottore, io ho sospetto di tutto, m'incazzo facile, mi sento sempre di vivere in un ambiente di merda e ce l'hanno con me, io lo so. Sì, a lei glielo dico, io sono spiato, ce l'hanno con me e poi sti attacchi di panico che non mi fanno più respirare. Non so perché. Ah e poi senta, ci sarebbe pure sta cosetta dei vermetti che mi scorrono sotto la pelle". Io gli dissi: "Quanti grammi figliuolo?". "Ma che la neve? No ma che ne so, 2, 3 al giorno! Ma che c'entra scusi?". (A. Battantier, Memorie da una panchina, 2013).