4.10.08

Ne me quitte pas, non mi lasciare. Jacques Brèl

"Si può dimenticare ogni cosa che già fugge via, dimenticare il tempo dei malintesi e il tempo perso a chiedersi come. Dimenticare queste ore che a volte uccidevano a colpi di perché il cuore della felicità. Non mi lasciare. Creerò un regno, dove l'amore sarà re, dove l'amore legge, tu regina. Inventerò per te parole senza senso, che tu capirai, ti parlerò di quegli amanti che hanno visto due volte i loro cuori prendere fuoco, ti racconterò la storia di quel re morto per non averti potuto incontrare. Si è visto spesso riaccendersi il fuoco del vulcano antico che si credeva stanco. Mi nasconderò a guardarti danzare, e sorridere, ascoltarti cantare, e poi ridere. Lasciami diventare l'ombra della tua ombra, l'ombra della tua mano, l'ombra del tuo cane. Non mi lasciare". (JB).