Passa ai contenuti principali

Giovani e tecnologia

 Giovani e la tecnologia. Mio padre l'altro giorno mi doveva portare all'aeroporto, dovevo partire per Londra. Ma ho perso l'aereo per colpa sua. Perché lui è fissato sempre col navigatore, e poi dice che siamo noi che esageriamo con la tecnologia. Ma è peggio de me. Dice che s'è sbagliato, che ha messo le coordinate sbajate sul navigatore. Ma cazzo, io te leggevo i cartelli: FIU-MI-CI-NO! A-E-RO-POR-TO! Ma lui no, guardava e sentiva il navigatore con quella voce da mignotta robottica, e cià mannato a comprà er pesce ar porto, altro che aeroporto. Però io dico a lui ma pure io ci passo un sacco di tempo davanti allo schermetto. Dice la prof che poi si perde la memoria e la concentrazione. E pure la socialità dicono che sembra vera ma poi è finta. Va bene la tecnologia però potremmo parlare un po' di più. Tipo, a casa non non esiste che fai un pranzo, una colazione, una cena senza televisione, o smartphone o semplice pc. Una volta era saltata la corrente e internet non funzionava, come se fosse arrivata la peste dei promessi sposi. Un dramma, non ha mangiato nessuno. Mamma ha fatto una specie di cotoletta surgelata, ma tutti stavamo a fà le prove alla finestra, accendevamo e spegnevamo le luci come mezzi esauriti, alla ricerca della salvezza d'un segnale. Me sa che semo messi male, me sa. E pensare che io ho 13 anni e mi sento già vecchio. La sorellina del mio amico Tommaso c'ha 6 anni e già smanetta con gli smart del padre, aò è una cosa incredibile. Solo che praticamente non gioca. Già io gioco poco, ma lei gioca solo col tablet, e se je dai le costruzioni, delle pallette, dei pezzi di legno, le conchiglie, lei non ce gioca, nun je ne frega niente. Gioca solo col tablet sennò piange. Io almeno ce posso pure vive senza tablet, e lo so che fanno male, si esageri, ma me sembra che quelli piû giovani di me stanno peggio. Ma forse io sto peggio di quelli grandi. Oddio, se guardo mi padre non sembra però. La psicologa a scuola dice che ci sta pure un tipo di paura nuova, che è la paura di perdere il cellulare. Alcuni se perdono il cellulare si sentono isolati. Je viè come na specie de ansia, stanno male, ma nun se sò persi er cellulare se sò persi er cervello. (A. Battantier, Memorie di un adolescente, 2014).

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).