28.1.15

LACRIME E SENSO DELLA VITA

"Le lacrime ed io conviviamo. Mi piace un sacco piangere. E' l'unico momento in cui mi sento ME stessa. E' liberatorio ma, c'è dell'altro: entro in contatto con le emozioni. Piango in macchina, a casa da sola, mi emoziono per una qualsiasi stronzata -ok lo dico- sono una piagnona dalla lacrima facile. Ma anche per quei momenti belli, come il sole all'alba sul terrazzo di casa.
Piango quando penso: guarda quanto è semplice e bella la vita!! Sì, piango per la semplicità della vita. Quanto può essere facile stare bene, provare dentro il senso della vita. Ora piango di meno, perché sento che è più vicino quello che potrei raggiungere. Mi sono rimessa in cammino verso un nuovo castello, questa volta senza rovi e, la novità, è che non ho fretta. Dice Thompson Nati: "Chi si accontenta gode se sereno. Chi si accontenta muore se rassegnato. Chi si accontenta gode ancor di più se, nel mentre attende il meglio, vive in serenità". (La bella addormentata si è svegliata. "15 storie d'amore e la fiaba di Charlotte", 2015, A. Battantier).