Passa ai contenuti principali

QUANDO FAI YOGA A 15 ANNI BESTEMMI DI PIÙ

QUANDO FAI YOGA A 15 ANNI BESTEMMI DI PIÙ. "Non so perché ma quando fai yoga a 15 anni bestemmi di più. I miei non lo capiscono che sto cercando di staccarmi da loro mica per cattiveria ma perché se i miei amici mi vedono che mamma mi accompagna fino a scuola mi prendono per il culo. I miei vogliono parlare con me cercano il dialogo ma questo dialogo mica lo puoi fare per forza a volte preferisco andare a pesca con papà e restare in silenzio e pure questo è dialogo o comunque volersi bene. I miei non lo sanno che mi fanno schifo sti peletti sulla faccia e questa voce mezza da minchione, mezza da femmina, cioè femmina no, ma da bambino sì, ma io non sono più bambino ma nemmanco ancora grande. Che cosa sono io? Uno che cresce, che per la prima volta sente che deve fare da solo ma ancora non sa che cazzo fare ma vuole fare. Ma pure non fare, alle volte voglio scomparire e svegliarmi tra qualche decina di anni pronto per capire. A casa non ci sono i soldi, papà è preoccupato ed io prima volevo fare ingegneria ma oggi come oggi non lo so se mi conviene. Dovrei aiutare in famiglia, che periodo di merda. Mamma alle volte la sfanculo perché mi sembra che non capisce niente. Poi però quando vedo Mattia trattare così male sua madre, la sera mi viene di stringere forte mia madre che sopporta me, mio padre e quell'altro deficiente di mio fratello. Mio padre invece vorrebbe fare l'amico, e lo sarebbe anche se solo... non volesse far vedere a tutti i costi che è un amico. Alle volte è imbarazzante, specie coi miei amici. Non capisci se vuole fare l'amico o ha solo paura di invecchiare. E bravo papà ti voglio bene lo stesso pure se non fai il deficiente a tutti i costi, come quella volta che si è messo a correre col motorino con Thomas, dicendo che lui conosceva Schwartz e altri piloti cazzuti. Risultato? È caduto sulla tangenziale e l'abbiamo riccolto col cucchiaino. Avoja che mi diceva sul lettino in ospedale: "tranquillo te lo ricompro un altro motorino Ciccio!". Io je volevo da risponne: a papà ricomprate n'artro cervello che famo prima!". Ma siccome si lamentava e guaiva come un cihuahua ciaccato, sta risposta me la sono tenuta per me, per la prossima volta che mi dirà qualche frase del cazzo sulla maturità di noi adolescenti inquieti". (Andrea Battantier, Memorie di un adolescente, 2014).


Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).