Passa ai contenuti principali

Elaborazione del lutto amoroso





THEY DIDN'T SEE ME YET/Non mi hanno ancora scoperto

I didn't want to leave without saying goodbye
I don't want to discuss much.
I come in and you are looking to me without accepting that I can still love you.
Can't you read inside of me? I am begging you for help
And the best thing you can say is: "OK 'ciao', but please go now 'cause I am waiting for some guests!"
You lock up yourself in the middle of the room: "Come on, here it's your stuff !". A picture of my dog, the mobile phone and a few CDs.
And here he comes...
I should disappear quickly
Or...Plop on the floor and just die without saying anything.
They are looking to my eyes without realizing that...
I am still there, by now basically dead on the floor
They didn't catch me yet. They are just drinking an aperitif with their friends, actually they are stomping on me telling stories, it seems that everybody has some special kind of glasses built just to see me
But I am here, right here on the floor, almost dead, please have a look to me, Anja, I am at your place, almost dead, well I understand now, I am nothing to you.
You turn my tears into stubborn spots of champagne, and you just bow down to dry me out while I am almost dead on the floor.

NON MI HANNO ANCORA SCOPERTO
Non volevo partire senza salutarti
Non voglio discutere.
Entro e tu mi guardi,
non ammettendo che io possa ancora amarti.
Non sai leggermi dentro? Ti sto chiedendo aiuto.
E tu mi dici: "ciao ciao, dai ora vai che ho degli amici!".
Ti pianti al centro della stanza e mi dici: "Sono là le tue cose!".
La foto del cane, il cellulare, e quattro cd.
Ecco che arriva lui...
Dovrei sparire in fretta,
Oppure...Cadere stecchito sul parquet e morirmene senza dir niente.
Mi guardano negli occhi e non si sono accorti che...
Io sono là, ormai morto sul parquet.
Non mi hanno scoperto.
Prendono un aperitivo con gli amici, mi calpestano, si raccontano storie, sembrano tutti in possesso di speciali occhiali fatti apposta per non vedermi.
Sono qui, sono sul parquet, sono morto sul parquet, guardami, Anja, in casa tua son morto, e nonostante tutto ti sono indifferente.
Traduci le mie lacrime in ostinate macchie di champagne, e ti inchini ad asciugare me, morto sul parquet.

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Quanto spreco di parole

"Uno psicopatico, un'illusionista, la mediocrità incarnata, un evaporato, un sottone ubbidiente...e tra l'altro pure un cornuto". "Ehhh quanto spreco di parole, quanti neuroni in moto!!! Ne basta una: UN COGLIONE!!". (T. Bergen, Era lei, 2009).

OGNUNO DI NOI È UN'OPERA D'ARTE MA...

"Ognuno di noi è un'opera d'arte. Non sarà mai amata da tutti, ma per chi ne coglierà il senso avrà un valore inestimabile. Certo però figlio mio, se te la tiri troppo, st'opera d'arte te la guardi da solo allo specchio".  (A. Battantier).

UN ANGELO CADUTO IN VOLO

UN ANGELO CADUTO IN VOLO. "Ahimè quando mi cimenterò con i mortali? Quando varcherò l'arena della vita? Ho paura di non essere accettato e, paradossalmente, questo mio disagio mi protegge dalle perigliose critiche esterne. Quel mio studiar da solo con la mente, solo contro il mondo, scardinare i binari, ricollocarli in una landa mia, sempre più desolata. L'isolamento nacque come autodifesa, ma divenne il mio peggior nemico, stringendo le idee fino a soffocarle, una ad una. Volavo alto nei cieli, continuando a scorgere errori oggettivi, quando invece meglio sarebbe stato assaporare le piccole gioie del cammin facendo, tuffandosi nella sublime imperfezione dell'essere finito". (A. Battantier, Piccoli Dei caduti in volo sulla terraferma, 2007).