20.12.16

AMORE PESANTE, LEGGERO, PROFONDO, SUPERFICIALE

"[...] Lo sai cosa io rifuggo da te? La forma specifica della rottura di palle. La forma che diviene sostanza nella pesantezza testicolare. D'altronde, chi ritiene d'esser tanto profondo, spesso è solo pesante, nella sua convinzione che chi cerca leggerezza sia un superficiale. Vero sarà anche il contrario, ecco perché ho scoperto che, difficilmente, un PESANTEMENTE PROFONDO legherà con un SUPERFICIALMENTE LEGGERO. E, se legherà, sarà in compagnia di 2-300 chili di pietre fino in fondo al mare. Alle volte è meglio tenersi strette le proprie profondità o le proprie leggerezze, pur auspicando che sarebbe bello, come insegnava Lao Bu-Shem: arrivare alla leggerezza senza essere superficiali, alla profondità senza essere pesanti". (M. Thompson Nati, Amori al bar, 2005).