Passa ai contenuti principali

Millo Peg e i cappotti alle montagne

"Da piccolo andavo sempre in montagna sui ghiacciai. Ora ho 16 anni, e Millo Peg, un ricercatore di scienze ambientali che gira per le scuole, ci ha raccontato che forse i nostri figli non vedranno più i ghiacciai che noi abbiamo amato. È il caldo della terra, la febbre che scioglie tutto, anche le montagne che pensavo eterne. Le  mie amate Dolomiti (io sono di Auronzo di Cadore), si sciolgono incredibili, che se fossi una formica sarebbe come arrampicarsi su un ghiacciolo al limone al sole d'estate. Non ci si capisce più niente, pure mio nonno dice che le montagne sono sempre franate ma ormai bastano le piogge improvvise a far saltare in aria, come bombe, fiumi e torrenti. Da piccolo la montagna mi rassicurava, adesso c'è d'aver paura. O da provare tenerezza e rabbia. Mia nonna di Roma metteva i cappottini ridicoli ai suoi 3 cagnolini. Ma qui dai  noi fanno peggio: gli umani, invece di affrontare seriamente l'effetto serra, mettono alle montagne cappottoni giganti, teli bianchi contro il caldo. Millo Peg ci ha fatto commuovere a noi che siamo nati sui monti: ci ha detto di andare a visitare il ghiacciaio dell’Adamello, la Marmolada, gli ultimi che strenuamente resisteranno sulle Dolomiti, ancora pochi anni. E ho capito quanto possa esser stronzo l'uomo, che sa distruggere la natura, pensando già ad abitare altri pianeti. Per continuare a distruggere, indisturbato". (MILLO PEG E LE MEMORIE DELLA TERRA, A. Battantier, 2007).




Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).