Passa ai contenuti principali

LA LEGGEREZZA PREVEDE TANTO CORAGGIO: STORIA DI UN 'DIVERSO'

LA LEGGEREZZA PREVEDE TANTO CORAGGIO: STORIA DI UN 'DIVERSO'. "Forse non se l'aspettavano da me, forse mi volevano diverso da come sono. Cioè diverso. Mi volevano uguale a loro. Gli è andata male, sono riuscito male. Ho 20 anni e ho iniziato a stare meglio con me stesso quando ho iniziato ad uscire dalle ipocrisie della vita. La vita è piena di ipocrisie e lentamente ti soffocano e ti uccidono la parte vera di te. In questi anni ne ho attraversate tante. Mi hanno deriso, scacciato, picchiato. Mia madre ha saputo della mia omosessualità leggendo un diario, ho avuto paura, ma lei mi ha difeso da mio padre, dai suoi tentativi di riportarmi sulla strada maschia da lui tanto agognata. Mio padre: l'ultimo ostacolo prima della mia partenza per Brighton. Prima di partire (per sempre?) ho dato una mano ad alcuni ragazzi e ragazze nelle mie stesse condizioni di finzione teatrale, prima del grande passo: l'uscita alla vita vera. Ora sono partito, ma, a pensarci bene, il grosso del lavoro andrebbe fatto con i genitori, non tanto con i ragazzi. Che vi devo dire? È stata una fatica, ma ne è valsa la pena. È straordinario vivere la vita a testa alta, sentendosi in linea con la nostra Persona interna. Ognuno di noi saprebbe sempre chi è, se solo non fosse disturbato dalle sovrastrutture e dalle imposizioni e dalle ipocrisie in società. Serve liberarsi, giorno dopo giorno, restare soli con noi stessi, nella nostra essenza. Quanto tempo ho perduto nel tentativo -fallimentare- di omologarmi a quei falsi amici, a quei falsi ideali, falsi per me, che sospettavo già allora qualcosa che non avevo il coraggio neanche di pensare. La leggerezza prevede tanto coraggio. E quando ci si sente soli è duro prepararsi al cambiamento dell'anima. Lo scrivo forte e chiaro: non bisogna restare soli. Io, ad esempio, ho trovato un professore in gamba, ha saputo capirmi; uno psicologo in gamba, ha saputo capirmi; un amico più grande di me, più avanti nella strada, ha voluto amarmi". (Memorie di un adolescente, A. Battantier, 2007, Dave 93). "Una mattina parti con tutto quello che hai, una valigia nera, solo sulla pensilina. Tua madre non capirà perché sei dovuto partire, ma le risposte che cerchi non le potrai mai trovare a casa. Scappa, vattene, scappa. Preso a calci e a spintoni, eri quello di cui sparlare, ti ferivano per farti piangere. Ma tu non piangevi mai per loro, solo per la tua anima". (Bronski Beat, Smalltown). https://m.youtube.com/watch?v=Xuz94ZIPfJk

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Quanto spreco di parole

"Uno psicopatico, un'illusionista, la mediocrità incarnata, un evaporato, un sottone ubbidiente...e tra l'altro pure un cornuto". "Ehhh quanto spreco di parole, quanti neuroni in moto!!! Ne basta una: UN COGLIONE!!". (T. Bergen, Era lei, 2009).

OGNUNO DI NOI È UN'OPERA D'ARTE MA...

"Ognuno di noi è un'opera d'arte. Non sarà mai amata da tutti, ma per chi ne coglierà il senso avrà un valore inestimabile. Certo però figlio mio, se te la tiri troppo, st'opera d'arte te la guardi da solo allo specchio".  (A. Battantier).

UN ANGELO CADUTO IN VOLO

UN ANGELO CADUTO IN VOLO. "Ahimè quando mi cimenterò con i mortali? Quando varcherò l'arena della vita? Ho paura di non essere accettato e, paradossalmente, questo mio disagio mi protegge dalle perigliose critiche esterne. Quel mio studiar da solo con la mente, solo contro il mondo, scardinare i binari, ricollocarli in una landa mia, sempre più desolata. L'isolamento nacque come autodifesa, ma divenne il mio peggior nemico, stringendo le idee fino a soffocarle, una ad una. Volavo alto nei cieli, continuando a scorgere errori oggettivi, quando invece meglio sarebbe stato assaporare le piccole gioie del cammin facendo, tuffandosi nella sublime imperfezione dell'essere finito". (A. Battantier, Piccoli Dei caduti in volo sulla terraferma, 2007).