Passa ai contenuti principali
GENITORI: COME SONO NATA E PERCHE' (E ALTRE COSE ANCHE SE VADO FUORI TEMA). Ai miei genitori ho chiesto come sono nata e perché. Perché secondo me tutti i bambini primi o poi lo chiedono, magari hanno paura di non essere stati voluti o perché è una fatica crescerli. Quando ero piccola io volevo essere lasciata da sola il meno possibile, pensavo che se ne potevano andare via, tipo il contrario di Pollicino, lui lo facevano perdere apposta, invece io pensavo che i miei uscivano e si perdevano apposta insomma ecco. Poi ho capito che quando mio padre mi teneva sulle ginocchia e mi abbracciava stretta e mi dava i colpetti pure fino a 10 anni dietro la schiena come per farmi fare il ruttino della ninna nanna, insomma poi ho capito che non mi avrebbe mai lasciato. E pure mamma che a volte sembra na pazza arrabbiata rossa in faccia, in realtà poi le passa e quando mi guarda che pensa che dormo per finta, lo capisco che non mi lascerà mai. Non si può avere sempre i genitori vicini, quelli devono pure fare la vita loro e che cavolo mica possono stare sempre ai comodi nostri altrimenti non abbiamo neanche i soldi per comprare le scarpe e i libri e la danza e capirai quante altre cose che fanno per noi con i sacrifici. Io al mattino quando mi alzo li cerco sempre per la casa e me li bacio tutti. Ma certe volte sono loro che mi cercano e mi baciano e certe altre volte ci cerchiamo e ci baciamo e tutti volevamo la stessa cosa, cioè fare capire che ci vogliamo un mondo di bene. Durante la giornata io ci penso spesso, ma è un pensiero da grande, mica piango dentro se non li vedo, so che non ci stanno ma ci sono, come io sono a scuola loro stanno al lavoro. Mica possono sedersi tutto il giorno dietro al banco mio. Tra l'altro mio papà neanche c'entra perché è alto 1 metro e ottanta e mamma è larga come una balenotta quindi proprio non ci possono stare nei banchi di scuola. Quello che conta è che quando ci vediamo ci stringiamo forte per superare i momenti brutti di tristezza e per lottare insieme.
PS: Comunque mi hanno detto che sono nata perché volevano proprio me, e che sono e sempre sarò la cosa più bella e importante. (Memorie di un adolescente, di A. Battantier, 2014, Alessia Z).

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).