Passa ai contenuti principali

L'ANIMA, IL DOLORE E LA FORZA DELL'AMORE

L'ANIMA, IL DOLORE E LA FORZA DELL'AMORE. "Abbracciami fortissimo. E ad ogni abbraccio sentirò il dolore di non averti amata prima. Adesso il dolore è sopportabile. I nostri momenti...dovremmo aggrapparci a loro più spesso.
Molti sono i vincoli che saldano gli esseri umani a pesi inumani, fardelli sempre più pesanti si legano all'anima. Il dolore della vita. L'anima è lasciata libera di muoversi, aggirandosi però, come grottesco uccello ferito, dentro noi. 
Era un giorno di sole, e i nostri sogni s'incontrarono. Il nostro peccare possedeva il dono della leggerezza. Rogo d'amore non chetava gli strilli, avremmo avuto tempo per parlare. Servì un lungo apprendistato, perfezionammo l'arte dell'amore. Un periodo durante il quale, a noi, umili e giovani aspiranti, furono perdonati gli errori dettati dall'inesperienza. 
La percezione si spegne con la morte, che chiude un altro conto. Ma, le nostre anime...
Ricordo quando il tuo cuore rosso accese l'anima mia. Ed ella bruciò tornando alla vita, e poi volò verso gli spazi infiniti. Dobbiamo divenire cacciatori di leggerezza e libertà, rendendo, finalmente, un servigio all'anima". (A. Battantier, Lao Bu-Shem: I need you around, 2016).

THE SOUL, THE PAIN AND THE POWER OF LOVE. "Hug me tightly. At every hug I will feel the pain for not have loved you before. Now the pain is bearable. Our moments, we should let go on them. Many are the forms of bonds that tie human to inhuman burdens, while increasingly more burden are attached to our souls. Pain of life. The soul, floating free inside of us, can walk like a grotesque wounded bird. But we met our dreams, some sunny day. Our sin possesses the natural gift of lightness. Prize of love. Oh my lover, please, stifle screams, we'll have time for a conversation. A long apprenticeship is needed for perfecting the art of love. A period during which, we young aspirants, whom we must certainly forgive occasional errors of inexperience. But sooner or later we'll earn the ancient art of love. Perception is quenched only after life, until death closes yet another account. But our souls...I remember when you put your burning heart into my soul. And my soul became burnt and later flight away on heaven. We have to become hunters of inner lightness and freedom, let's make ourselves worthwhile in making free our soul". (A. Battantier, Lao Bu-Shem: I need you around, 2016).

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Quanto spreco di parole

"Uno psicopatico, un'illusionista, la mediocrità incarnata, un evaporato, un sottone ubbidiente...e tra l'altro pure un cornuto". "Ehhh quanto spreco di parole, quanti neuroni in moto!!! Ne basta una: UN COGLIONE!!". (T. Bergen, Era lei, 2009).

UN ANGELO CADUTO IN VOLO

UN ANGELO CADUTO IN VOLO. "Ahimè quando mi cimenterò con i mortali? Quando varcherò l'arena della vita? Ho paura di non essere accettato e, paradossalmente, questo mio disagio mi protegge dalle perigliose critiche esterne. Quel mio studiar da solo con la mente, solo contro il mondo, scardinare i binari, ricollocarli in una landa mia, sempre più desolata. L'isolamento nacque come autodifesa, ma divenne il mio peggior nemico, stringendo le idee fino a soffocarle, una ad una. Volavo alto nei cieli, continuando a scorgere errori oggettivi, quando invece meglio sarebbe stato assaporare le piccole gioie del cammin facendo, tuffandosi nella sublime imperfezione dell'essere finito". (A. Battantier, Piccoli Dei caduti in volo sulla terraferma, 2007).

OGNUNO DI NOI È UN'OPERA D'ARTE MA...

"Ognuno di noi è un'opera d'arte. Non sarà mai amata da tutti, ma per chi ne coglierà il senso avrà un valore inestimabile. Certo però figlio mio, se te la tiri troppo, st'opera d'arte te la guardi da solo allo specchio".  (A. Battantier).