20.11.16

LA TAVERNA DELL'INCONSCIO

LA TAVERNA DELL'INCONSCIO. "Ho fatto un po' di casini ultimamente". "Ben vengano...se ti portano serenità". "Bè...insomma...c'ho uno stress addosso che non ti dico!" ... "Mi sa che hai fatto i conti senza l'oste". "Scusa e chi sarebbe l'oste?". "L'oste? Sei te! Alla fine siamo noi che facciamo i conti con noi stessi!". "Ah ah! Mi spiace...non c'ho i soldi e non lo pago!". "Sarebbe bello vero? Ma l'oste dell'inconscio prima o poi lo paghi sempre!". "See! Pure se scappo!?". "Peggio!!! L'inconscio non ascoltato si fa sentire sempre". "Vaffanculo a te e all'oste, m'è passato l'appetito!". (Era lei, T. Bergen/A. Battantier, 2009).