14.6.15

Taranto Tossica

"A Taranto non c'è mica Dio, c'è la Diossina. Io nel mio piccolo ho realizzato il mio primo adenocarcinoma, il cielo sarò pure sereno, ma intanto cammino come un'automa e le mamme nel latte c'hanno il veleno. E i bimbi a 10 anni hanno il tumore da fumo. E i padroni dicevano al padre: "Tranquillo è come il pizzico di una zanzara, non fa male a nessuno". Meglio ignoranti a bersi cazzate, perché dicevano al padre: se perdete il lavoro bene di certo non state. A Taranto non si parla di malattia, meglio sognare un polmone nuovo,  giocando alla lotteria. Che Dio se li porti via, ma prima a papà fagli trovare lavoro alla ferrovia". (Andrea Battantier, Taranto Tossica, Memorie di un lavoro, 2011).