Passa ai contenuti principali

QUANDO L'ARTE (MEDIOCRE) INCONTRA IL NARCISISMO (ECCELLENTE)

MIMMO ROTELLA. "Parliamoci chiaro, non ho mai saputo bene cosa dire, però, fin da ragazzo amavo Napoleone e pure prendere per il culo me stesso prima ancora che il mondo. Di me che posso dire? Ho provato a disegnare, mi sembrava non ci fosse più molt'altro da dire, ho provato per carità, sapete, i quadri neo-geometrici. Poi però ho scoperto che potevo fare qualcosa di ancor più insensato e mi sono inventato la poesia fonetica; ma io la chiamavo epistaltica, che sembrava più importante ma non voleva dire un cazzo che un cazzo. La critica non mi ha capito, bastardi, un genio come me!!! Fortuna che a Parigi seppero apprezzarmi. E poi pure gli americani, ma in America mi sono confrontato con veri artisti: Robert Rauschenberg, Claes Oldenburg, Cy Twombly, Jackson Pollock e Yves Klein. E allora mi sono guardato allo specchio e mi son detto 'Mimmo non vali un cazzo!". E fu subito crisi, ed interruppi la cosiddetta produzione pittorica. Ma mi buttai in pubblicità, copiando un po' qua un po' là: cubisti, dadaisti, ready made, e soprattutto molto narcisismo mimico rotelliano. La critica prese a chiamarmi strappamanifesti o pittore della carta incollata. Eh già, di notte soffrivo d'insonnia, non avevo idee, non sapevo che fare, e allora me ne andavo a strappare manifesti, pezzi di lamiera. Avevo molta rabbia repressa allora. Volevo essere riconosciuto, ma il mondo stentava ad inginocchiarsi dinanzi al suo Napoleon d'arte. Ma poi pensate, un giorno arriva un francese, gli piace come strappo le lamiere e inizia a farlo con me, e poi nasce un'amicizia, andavamo a strappare manifesti insieme, la notte, io e lui, che divertimento ragazzi. Non potete immaginarvi che bello quando le tue stravaganze e fancazzismo vengono scambiate per arte e nuove tendenze. Finalmente c'ero riuscito. Ma sia chiaro, ho fatto di meglio: compravo per pochi spicci oggetti da rigattieri, che so, tappi di bottiglia, corde, ciarpame vario, e poi li riattaccavo, et voilà, l'artista aveva partorito ancora. Ero sempre in cinta d'idee bislacche. Peccato che ci fosse sempre qualcuno avanti a me, tipo quei maledetti di Lucio Fontana e Alberto Burri. Però, stavo dimenticando, ho inciso pure un disco, incomprensibile pure a me, di poesia sonora. Accroccavo parole a caso, registravo mentre cacavo. Ma ero bravo pure ad accartocciare i manifesti e chiuderli in cubi di plexiglas. Questo mi va riconosciuto. Eh l'arte. Qualcuno dovrà pur farla. Sempre meglio di lavorare alle poste o d'insegnare. Comunque non si può dire ch'io non sia modesto. Mi sono scritto e dedicato un libro dal titolo 'Autorotella', mi sono dedicato una fondazione dal titolo 'Fondazione Mimmo Rotella' con l'obiettivo di omaggiarmi per sempre. Ed infine, chi meglio di Mimmo Calopresti, regista autoriale di grandi pretese, poteva dedicarmi un documentario tutto mio?". (Mimmo Rotella, biografia non autorizzata di A. Battantier, 2010).

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Quanto spreco di parole

"Uno psicopatico, un'illusionista, la mediocrità incarnata, un evaporato, un sottone ubbidiente...e tra l'altro pure un cornuto". "Ehhh quanto spreco di parole, quanti neuroni in moto!!! Ne basta una: UN COGLIONE!!". (T. Bergen, Era lei, 2009).

OGNUNO DI NOI È UN'OPERA D'ARTE MA...

"Ognuno di noi è un'opera d'arte. Non sarà mai amata da tutti, ma per chi ne coglierà il senso avrà un valore inestimabile. Certo però figlio mio, se te la tiri troppo, st'opera d'arte te la guardi da solo allo specchio".  (A. Battantier).

UN ANGELO CADUTO IN VOLO

UN ANGELO CADUTO IN VOLO. "Ahimè quando mi cimenterò con i mortali? Quando varcherò l'arena della vita? Ho paura di non essere accettato e, paradossalmente, questo mio disagio mi protegge dalle perigliose critiche esterne. Quel mio studiar da solo con la mente, solo contro il mondo, scardinare i binari, ricollocarli in una landa mia, sempre più desolata. L'isolamento nacque come autodifesa, ma divenne il mio peggior nemico, stringendo le idee fino a soffocarle, una ad una. Volavo alto nei cieli, continuando a scorgere errori oggettivi, quando invece meglio sarebbe stato assaporare le piccole gioie del cammin facendo, tuffandosi nella sublime imperfezione dell'essere finito". (A. Battantier, Piccoli Dei caduti in volo sulla terraferma, 2007).