9.1.16

QUELLA STOLTA IDEA DI PERFEZIONE

"QUELLA STOLTA IDEA DI PERFEZIONE. "Sono una bella donna, ancora. Lo sguardo fiero incline alla nostalgia. Anche in mocassini faccio la figura mia. Valorizzano le gambe slanciate. 



Ho due figli. Manuel è gay, ha 30 anni, ma ho capito solo adesso che ha il cuore più grande di me e soprattutto del padre che non l'ha mai accettato. Emma, invece ce l'ha sempre avuta con me. È bella, più di me (allora), eppure, quel suo essere adirata non le rende giustizia. Le scale del mio giardino hanno preso il muschio e intorno a me sono grigi gli alberi. 



Cammino per spiagge alla ricerca di conchiglie. Da anni io ricerco quella perfetta. Non arrendendomi all'idea che il bene è nemico dell'ottimo. E la stolta idea di perfezione ha imprigionato la perla che poteva essere in me. Mi ha confidato un amico che, pur imprigionata, la perla alberga sempre in noi. È che dovrei aprirla e farla respirare alla luce. Ho quasi 60 anni e forse ho un desiderio nuovo: vivere così, come una cosa aperta al mondo. E se perla non sarà', amen e così sia, una ragione il mio buon Dio se la farà". (Memorie di un amore, A. Battantier, 2013).