11.10.15

GIORNI FELICI: RICORDANDO QUANDO MI ADDORMENTAVO E RIALZAVO INCAZZATO

"È bello sentirsi felici anche senza un valido perché. Anche se non è successo niente, felici e basta. Pensando di avere tutta la giornata per fare quello che ci va, e addormentarsi ripensando alla giornata spesa. Ognuno ha la sua strada per cercare la felicità. La mia passa attraverso i cambiamenti. Meglio lavorare sulle piccole cose del quotidiano, riprendere a spazzolare un vecchio gatto, cercare le scarpe da ginnastica rinchiuse nel ripostiglio, mettere acqua alla piantina, tornare a respirare l'odore della pioggia, del mare, della vita. Così come puoi stare male e non cambiare, così puoi cambiare e provare a star bene. Non è disponibile la felicità senza far niente. Per cercarla premi INVIO da qualche parte nella mente. Ulteriori informazioni: lungo la via, camminando nonostante sudore e fatica. Trasforma i sogni in realtà, oppure smetti di sognare". (M. Thompson Nati, Leadership for a sheep and others animals,1996. Era lei, 2009, T. Bergen). «C'è un'ape che se posa sopr'un botton de rosa: l'annusa, e se ne va...In fonno, la felicità è una piccola cosa.» (Trilussa, "Felicità", da Acqua e Vino, 1927).