9.9.15

André Kertész

"Fotografo il quotidiano della vita, ciò che poteva sembrar banale, prima di avergli donato uno sguardo nuovo. Amo scattare il mondo, anche nei suoi squarci di umile monotonia. Sono nato chiuso, ma un chiuso aperto alla strada, ed ho cercato la felicità nel silenzio di un istante. Batteva intanto il cuore al tempo di un click. Ho cercato gli occhi innocenti, di cui ogni sguardo sembra il primo, le menzogne dietro la superbia ed i sorrisi fatui, fantasmi seduti al sole su vecchie sedie. Senza trucchi ho cercato di vedere, ho cercato di capire. E quando ho capito, ho lasciato gli occhiali su un tavolo insieme alla pipa". (M. Thompson Nati, Around, 2015. Around André Kertész).