Passa ai contenuti principali

L'AUTOCONTROLLO, L'INTER DI RONALDO E LE ARTI MARZIALI

"L'AUTOCONTROLLO, L'INTER DI RONALDO E LE ARTI MARZIALI. Da piccolo pensavo che l'autocontrollo fosse la macchina della scuola guida. Mia sorella grande, aveva 20 anni e non riusciva mai a superare l'esame per la patente. Aveva la vena al cervello, non capiva una mazza di pistoni, bielle e codice della strada, e buttava sempre all'aria il libro di teoria. Mio padre allora le diceva: "Marta non fare la matta devi avere autocontrollo altrimenti la patente non la prendi!". Io, che avevo 8 anni, pensavo: " poraccia, speriamo che trova i soldi per questa auto con i pedali controllati dall'ingegnere, sennò, sò problemi!!!". Poi, siccome pare che noi di famiglia siamo tutti nervosetti (infatti mio padre smadonnava quando perdeva l'Inter, cioè sempre), venivo ripreso dai prof a scuola, sempre per questo autocontrollo che si perdeva per strada. L'autocontrollo mi è sempre suonato come una parola da vecchi, magari vecchi saggi, ma noi giovani guidiamo piuttosto con l'autostikazzi e l'autosfankulato. Eppure oggi, a 27 anni, capisco che da sto cavolo di autocontrollo dipende anche il nostro futuro. Autocontrollo non è solo una parola pallosa. Significa pure saper aspettare, metter da parte il Tutto e Subito per qualcosa tra un po'. Significa rispetto dell'altro, ma anche farsi rispettare nel modo migliore. Significa mettere in un angoletto ansia e attacco di panico, fino a farli sparire. A me ha aiutato la psicologia, ma soprattutto le arti marziali (senza autocontrollo le arti marziali non esisterebbero). I ragazzini, spesso viziati e capricciosi, pensano  che l'autocontrollo sia prova di debolezza o rassegnazione. Ma io sto imparando che la potenza è nulla senza autocontrollo. E questo lo diceva pure mio padre,  interista sfegatato che ripeteva sempre la frase del suo amato Ronaldo". (Memorie di un adolescente, A. Battantier, 2007, contributo di Ronaldo detto Naldo). https://m.youtube.com/watch?v=rcA2I_7ACN4

Post popolari in questo blog

Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio

(Dedicato a mio padre e al papà di Antonio Leotti)

Me ne sono andato pensando all'errore di lasciare solo mio padre, Antonio Gennaro Battantier, nato a San Casciano dei Bagni, agricoltore, uomo retto e gran lavoratore. Ho cercato per anni la perfezione, seminando errori, che poi ho coltivato, cucinato e mangiato. Mio padre da me si aspettava ben altri raccolti.
Mi chiamo Andrea Giovanni Battantier, psicologo in un Consultorio, e sono ossessionato da mio padre, che un bel giorno lascia tutto in campagna e si mette a cercarmi, finendo barbone. E' stata mia la colpa? Io me ne partii per rinascere uomo. Lui per morire da bambino che non fu. Mio padre che non mi parlava, e mi scriveva belle lettere con la sua penna antica. Io leggevo quei pesanti fogli e sì, mi commuovevo, ma mai una volta poi trovai il coraggio di rispondere. Io parlavo bla bla bla, e lui scriveva ccccccccccc.
Io un bel giorno lo trovai sulla panca del mio Consultorio, con la barba e quel suo essere ormai sperso e l…

Un giorno mi perdonerò

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più". (Emily Dickinson).

Viele kleine Dinge

Lots of little things you can do to make a big difference in your life. Live on both sides of your life. You can change your settings inside your soul. A piccoli passi puoi cambiare molto sai di questa vita? Vivi pienamente, in sintonia con l'anima tua. ("Lettere a una figlia", M. Thompson Nati/A. Battantier, 2007)

Viele kleine Dinge, die Sie tun, um einen großen Unterschied in Ihrem Leben machen können. Leben auf beiden Seiten Ihres Lebens. Sie können Ihre Einstellungen in deiner Seele zu verändern.

Lucio Dalla, Telefonami tra 20 anni.

"Importante è avere in mano la situazione. Non ti preoccupare, di tempo per cambiare ce n'è. Alle porte dell'universo l'importante è non arrivarci in fila, ma tutti quanti in modo diverso, magari arrivando a pezzi, ma ognuno coi suoi mezzi". (L. Dalla, Telefonami tra 20 anni).